Business

USA, i dati negativi sull’occupazione aumentano l’incertezza sul tapering

(Teleborsa) – Il dati sul mercato del lavoro USA di settembre hanno disatteso le aspettative degli economisti. L’US Bureau of Labor Statistics ha comunicato che, nei settori non agricoli, si è registrato un aumento di 194 mila nuovi posti di lavoro, mentre le stime del consensus erano per un aumento di 500 mila buste paga. Il dato period molto atteso non solo perché un indicatore dello stato di salute dell’economia statunitense, ma anche perché è molto osservato dalla banca centrale statunitense. I mercati scontano infatti da qualche settimana che la FED possa annunciare il processo di tapering – ovvero di riduzione degli stimoli monetari – già dalla riunione di inizio novembre.

Secondo alcuni osservatori, il dato deludente sulla creazione di posti di lavoro aumenta i dubbi sulle tempistiche di intervento. “La nostra view rimane che l’intervento della FED sia assolutamente necessario – ha commentato Filippo Diodovich, Senior Market Strategist, IG Italia – Non è più possibile aspettare. L’aumento della crescita dei salari evidenziato nel report sul mondo del lavoro incrementa le possibilità che le pressioni inflazionistiche possano assumere un carattere di persistenza e non essere temporanee come affermato dai banchieri centrali statunitensi”.

“Pensiamo che la FED possa annunciare l’inizio del processo di tapering nel assembly del FOMC di novembre – ha aggiunto – Riteniamo che gli acquisti di Treasuries e MBS saranno ridotti in modo graduale. Per il rialzo dei tassi d’interesse le nostre previsioni rimangono ancora a metà 2022″.

La FED sperava in un numero abbastanza grande da rendere facile la decisione di iniziare il tapering il mese scorso – ha affermato Carl Tannenbaum, economista presso Northern Trust – Ora, le discussioni del 2-3 novembre potrebbero essere più difficili e il mercato dovrà fare i conti con qualche incertezza aggiuntiva”. I dati “hanno chiarito che il tapering non è necessario attualmente poiché il mercato del lavoro del Paese è ancora estremamente fragile“, ha invece commentato Naeem Aslam, capo analista di mercato di AvaTrade.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button