Business

Biden schiva il default degli USA (per ora…)

Default evitato, almeno per il momento. Democratici e Repubblicani hanno infatti raggiunto un accordo per superare lo stallo che nelle ultime settimane ha bloccato la politica americana. Il Senato ha adottato una misura a breve termine per aumentare il tetto del debito del paese fino all’inizio di dicembre: una decisione che salva il governo federale dall’orlo del baratro fiscale del 18 ottobre ma che rischia di aver solo posticipato la battaglia alla wonderful dell’anno. Un timore che ha trovato conferma anche nelle critiche che ha subito il chief della minoranza al Senato, il repubblicano Mitch McConnell, dai membri del suo stesso solo per aver stretto un accordo con i Democratici.

Ora la palla passa alla Camera che dovrebbe votare il provvedimento martedì 12 ottobre a pochissimi giorni dalla scadenza originale del 18 ed evitare così una crisi finanziaria di grandi proporzioni. Non riuscire advert aumentare il tetto del debito entro quella information, infatti, avrebbe lasciato il governo degli Stati Uniti incapace di adempiere ai suoi obblighi finanziari, incluso il pagamento dei benefici della sicurezza sociale agli anziani, la fornitura di aiuti fiscali alle famiglie con bambini o l’assistenza a truppe e veterani.

L’aumento del tetto del debito dovrebbe coprire i prestiti federali però fino al 3 dicembre, lo stesso giorno in cui scadranno i finanziamenti per le principali agenzie e programmi federali. Ciò significa che il Congresso dovrà affrontare un’altra scadenza per evitare il default e prevenire lo cease del governo, due compiti urgenti che comportano significative conseguenze politiche ed economiche in caso di fallimento.

McConnell ha già messo in chiaro che i repubblicani non forniranno i 10 voti di cui i democratici hanno bisogno per avanzare una misura a lungo termine, ribadendo l’invito agli avversari politici di utilizzare lo strumento della riconciliazione, una procedura di bilancio che consentirebbe loro di presentare da soli una proposta che aumenti il ??limite di prestito senza il voto repubblicano. I democratici però hanno già a più riprese rifiutato l’”invito”. La procedura di riconciliazione infatti presenta alcuni rischi per i dem: oltre ai tempi necessari per attuarla infatti, esporrebbe il partito a voti e attacchi “scomodi”. Inoltre consentirebbe di aumentare il debito di un importo specifico piuttosto che sospenderlo del tutto.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button