Business

WhatsApp, Facebook e Instagram non funzionano. Ecco cosa sta succedendo

Social

Secondo un esperto interpellato dal New York Times, sarebbe un’errata configurazione dei server di Facebook la causa del down totale

di Biagio Simonetta

Articolo aggiornato martedì 5 ottobre alle 01:10

WhatsApp, Facebook e Instagram non funzionano. Ecco cosa sta succedendo

5′ di lettura

Ci sono volute quasi sette ore per tornare, parzialmente e lentamente, on-line. Non proprio una giornata da incorniciare, lunedì 4 ottobre, per la galassia di Mark Zuckerberg. Prima le parole di Frances Haugen, la ex supervisor che ha consegnato una ricerca interna ai legislatori e al Wall Street Journal sul modo in cui il social community gestisce contenuti e rischi per gli utenti. Poi il down di tutti i siti e servizi che ha coinvolto anche gli stessi dipendenti di Menlo Park con telefoni e badge fuori uso.

Poco prima di mezzanotte segnali di ripresa per Facebook e Instagram, mentre per Whatsapp solo per pochi secondi. Come ha riferito un portavoce di Facebook citato dal New York Times, i servizi stanno lentamente tornando on-line, ma ha avvertito che ci vorrà del tempo prima che si stabilizzino.

Loading…

Resta il fatto che, come segnala downdetector che monitora i disservizi digitali, si tratta della più grande panne mai registrata dal sito.

Da poco dopo le 17,30 WhatsApp, Facebook e Instagram non hanno funzionato, o hanno funzionato a singhiozzo, in varie parti del mondo, compresa l’Italia. E gli hashtag #WhatsAppDown, #FacebookDown e #InstagramDown hanno iniziato a scalare le classifiche di twitter, raggiungendo in breve le vette. Nel giro di pochi minuti è scattata anche la gara di battute e ironia, dove è intervenuto anche Jack Dorsey.

Scopri di più

Nyt: un errore interno la causa del down totale

Sarebbe un’errata configurazione dei server di Facebook, quindi un errore interno, la causa del down totale del social e delle app WhatsApp e Instagram. Lo riporta il New York Times che ha raccolto la spiegazione di John Graham-Cumming, chief know-how officer di Cloudflare, una società di infrastrutture net. La premessa è che i pc convertono siti net come Facebook.com in indirizzi numerici (IP), attraverso un sistema che l’esperto paragona alla rubrica di un telefono.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button